Rossana Casale “Joni” | Padova Jazz Festival | Padova

Rassegne e Festival

Event details

  • Teatro Verdi, Padova
  • 17/11/2022
  • giovedì, 21:30 pm to 22:45 pm

Contact event manager

1 2 3 4

Book your tickets

Thank you Kindly

Rossana Casale “Joni” | Padova Jazz Festival | Padova

Via dei Livello, 32, 35139 Padova PD

giovedì, 21:30 pm to 22:45 pm
17/11/2022

000000

Rossana Casale “Joni” | Padova Jazz Festival | Padova

Via dei Livello, 32, 35139 Padova PD

giovedì, 21:30 pm to 22:45 pm
17/11/2022

PRINT

Tributo all’intramontabile Joni Mitchell con un tour e un nuovo album di Rossana Casale.

L’album è un omaggio ‘in jazz’, come tutti i precedenti lavori di Rossana, dal tributo a Giorgio Gaber ‘Il Signor G e l’amore’, a ‘Jacques Brel in me’, a ‘Strani Frutti’, dedicato alle maledette del 900, a ‘Round Christmas’, dedicato ai sentimenti del Natale nelle culture del mondo.

Joni Mitchell, che a novembre festeggia 79 anni, è considerata la grande madre del
cantautorato americano. Il suo stile si muove tra il folk e il jazz, tra il pop, il rock e la world beat.
Nella sua lunga carriera ha registrato più di 25 album ispirando, con la sua musica e i suoi testi
densi di poesia e immagini, artisti di tutto il mondo. Nel 2021 ha ricevuto uno dei premi più ambiti
negli USA, conferiti a coloro che si sono distinti per il loro contributo all’arte e alla cultura, i
Kennedy Center Honors e nel 2021 un riconoscimento ai Grammy Awards.
Dopo vent’anni lontana dalle scene e un aneurisma che l’ha colpita nel 2015, è tornata a sorpresa
sul palcoscenico del Newport Folk Festival incantando il pubblico presente e ottenendo milioni di
visualizzazioni sul web.

Dice la Casale : “ Lei è stata la mia prima guida, il mio primissimo ascolto, insieme ai dischi di
Jazz di mio padre. Mi chiudevo in salotto e mettevo i suoi album, soprattutto ‘Blue’ e mi lasciavo
trasportare dalle parole dei suoi incredibili testi. Con ‘Woodstock’, suonato solo sui tasti neri del
piano, a sedici anni ho passato l’ammissione di canto in Conservatorio a Milano. Da lei, per tutta
la prima parte della mia carriera, ho tratto ispirazione per le mie scelte armoniche nella
composizione e nei brani che scrivevano per me e sui quali io aggiungevo i testi che volevano sì
raccontare ma senza essere mai troppo diretti. In questo album ho rispettato la sua scrittura
nello svolgimento di ogni brano per poi dare al jazz il ruolo del volo, del pittore che spazia
con i colori ispirati dalle parole di Joni”.

Con lei, nell’album e in tour, la sua ormai storica band: Emiliano Begni ( pianoforte), Francesco
Consaga ( Sax Soprano e Flauto Traverso), Ermanno Dodaro (contrabbasso), Gino Cardamone
(chitarra jazz).