John Patitucci Trio | Sessa Jazz | Sessa Aurunca (CE)

Rassegne e Festival

Event details

  • Piazza Duomo 81037 Sessa Aurunca CE
  • 02/08/2022
  • martedì, 21:00 pm to 22:00 pm

Contact event manager

1 2 3 4

Book your tickets

Thank you Kindly

John Patitucci Trio | Sessa Jazz | Sessa Aurunca (CE)

Piazza Duomo

martedì, 21:00 pm to 22:00 pm
02/08/2022

000000

John Patitucci Trio | Sessa Jazz | Sessa Aurunca (CE)

Piazza Duomo

martedì, 21:00 pm to 22:00 pm
02/08/2022

PRINT

La XXIII edizione del Sessa Jazz – organizzata dal Comune di Sessa Aurunca (CE) in collaborazione con l’Ass Culturale ARS NOVA – avrà come ospiti eccellenze nazionali e internazionali della musica jazz che saranni pronti ad incantare il pubblico con le noti delle loro canzoni.

Il festival si apre con il concerto di lunedì 1 agosto del Paul Wertico Trio – Letter from Rome, con Paul Wertico alla batteria, Gianmarco Scaglia al contrabbasso e Fabrizio Mocata al pianoforte; per poi proseguire martedì 2 agosto con l’esibizione del John Patitucci TrioJohn Patitucci al basso, Rogério Boccato alla  batteria e Yotam Silberstein alla chitarra. Entrambi i concerti si terranno presso Piazza Duomo, ingresso libero fino ad esaurimento posti.

Il Paul Wertico Trio, attivo dal 2012, propone il suo nuovo lavoro discografico Letter from Rome, pubblicato a fine 2021 dell’etichetta Alfa Music di Roma. Dopo avere affrontato la rivisitazione di arie d’opera di G. Verdi e G. Puccini nel lavoro “Free The Opera!” il trio coniuga in questo nuovo disco il profondo senso melodico con forme di improvvisazione.

Il John Patitucci Trio presenta dal vivo l’ album inedito: Irmão De Fé. Nove brani dalle sonorità e dai ritmi brasiliani, in cui Patitucci, Silberstein e Boccato si fondono in un equilibrio musicale tra interpretazione e improvvisazione. L’album contiene canzoni come “Desvairada”, dove il contrabbasso di Patitucci e la chitarra di Silberstein si destreggia magistralmente in un vivace 6/8, mentre “Nilopolitano” ruota abilmente tra i 16 boppish della melodia e le jam funky del trio. Una delle performance tecnicamente più impressionanti dell’album è il brano “Olha Maria”.