STEVE GADD BAND

Il Maestro della batteria Steve Gadd è uno dei più rispettati e imitati musicisti al mondo. La sua unicità sta nella capacità di suonare precisamente ciò che un pezzo musicale richiede, aggiungendo però anche un tocco inconfondibile di gusto, stile ed energia, un qualcosa di più rispetto a tutte le altre esecuzioni.

Ecco che cosa contraddistingue Steve Gadd, una particolarità che è emersa nelle centinaia di esecuzioni che sono diventate alcuni dei momenti più ritmicamente esilaranti nella storia della musica registrata, attraverso i generi. 

C’è una cosa sorprendente, nella carriera di Steve Gadd. Non solo, infatti, Steve suonava basi dal groove “classico” per brani pop ( “50 Ways to Leave Your Lover” di Paul Simon, “Chuck E.’s In Love” di Rickie Lee Jones, “The Hustle,”di Van McCoy, “Guilty,”di Barbra Streisand & Barry Gibb e “Just the Two of Us” di Grover Washington, Jr. e di Bill Withers). Contemporaneamente, Gadd si dedicava a registrazioni di jazz fusion, suonando in brani che sono diventati dei capolavori e dei punti di riferimento. Si pensi, ad esempio, all’adattamento di Bob James di “Night On Bald Mountain”, ad “Aja” di Steely Dan’s, oppure a “Night Flight” dei Brecker Brother, o ancora a “Spain” di Al Jarreau, arrivando fino a “Nite Sprite” di Chick Corea.

La batteria jazz acustica di Gadd ha accompagnato Corea nei suoi LP The Mad Hatter, My Spanish Heart, Friends. Inoltre, Three Quartets spicca fra le composizioni migliori della leggenda del pianoforte. Corea ha soprannominato Steve Gadd, “Il Master dei Groove Creativi”. Aggiungendo tutto ciò al suo carisma e alla sua energia nei live in cui si è esibito con artisti come Eric Clapton o James Taylor, una cosa risulta chiara: nessun altro batterista ha influenzato il jazz e il pop tanto quanto ha fatto Steve Gadd, nessuno!

STEVE GADD BAND

Line Up “Way Back Home Tour”
Steve Gadd, batteria
Kevin Hays, tastiere
Jimmy Johnson, basso
Michael Landau, chitarra
Walt Fowler, flicorno/tromba

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn